GRANDE!

   Lo sospettavo già da tempo.  Da certi atteggiamenti più maturi. Da come ti preoccupi per tuo padre, invece di essere lui a preoccuparsi di te.  Da come  hai preso sul serio questa Maturità, tu che sei stato uno sfaticato sin dall’asilo nido. Ricordo certi filmini con tutti i bambini schierati in ordine teutonico e tu che guardi da un’altra … Continua a leggere

UN’ACCA NON SI NEGA A NESSUNO

    Oggi le orecchie d’asino le diamo a……Francesco Bei di “Repubblica”  e,  ex aequo, al correttore dei testi, se esiste ma non credo. Pag. 3 “E’ bastato un articolo del Sundey Times ha provocare un nuovo corto circuito a palazzo Chigi…..”. Se un bambino di II elementare facesse un errore così grave la maestra gli darebbe da scrivere almeno due paginette … Continua a leggere

FUORI I NOMI

Io so, ma non ho le prove……………. Chi ha disegnato la nuova divisa della nazionale italiana di calcio? Chi è lo stilista chiamato a rappresentare, nel calcio, il rinomato buongusto italiano,  il made in Italy (oramai c’era rimasto solo quello di cui andare fieri)? Una volta si diceva “di marrone e di celeste…il burino ci si veste”. Definire orrido l’accoppiamento di … Continua a leggere

POESIA

  UCCELLI   Cip, cip, cip, Cra, Cra, Cra Trululù, Trululù, Trululù Cip, cip, cip, Cra, Cra, Cra Trululù, Trululù, Trululù   E’ mattina Un timido sole si affaccia nel cortile albeggia appena sveglia uccellini, sveglia! Prima timidamente poi sempre più forte il cortile si anima di multiformi versi, grida gioiose annunciano l’alba Passerotti, Rondini, Piccioni, Gabbiani, Cinciallegre, Corvi, Cornacchie … Continua a leggere

PAROLE

         Le parole cambiano di significato con il passare degli anni? Cambiano di valenza?  O siamo forse noi che con gli anni e l’esperienza acquisiamo una visione più ampia delle cose? Una volta l’aggettivo “per bene” nel mio sentire di contestatrice assumeva un significato negativo e,  se applicato alle persone, mi indicava figure un po’ scialbe di … Continua a leggere

SCUOLE CHIUSE

  Sul “Venerdì” di Repubblica di questa settimana leggo un servizio che si intitola “Che fare?”; no, non quello di Lenin, è solo la domanda che si pongono milioni di genitori alle prese con la chiusura delle scuole. Questo mi ha fatto ritornare indietro con la memoria, a quando i miei figli erano piccoli ed intorno ad aprile/maggio già si … Continua a leggere